La quarantena: il resoconto generale tre mesi dopo.

Fino agli inizi di marzo, la mia vita aveva seguito il solito corso. Quasi senza prestare molta attenzione, infatti, ripetevo le cose che facevo normalmente, consapevole però che, in altre parti del mondo, centinaia di migliaia iniziavano a modificare le proprie esistenze per poter far fronte al virus che da gennaio aveva fatto la sua “comparsa”.

Continua a leggere “La quarantena: il resoconto generale tre mesi dopo.”

Diario della quarantena

Fine 2019, in tv per la prima volta ho sentito parlare di una strana polmonite che si stava riscontrando in Cina precisamente a Wuhan. Partita da un mercato del pesce e molto contagiosa. A Wuhan i contagi sono rapidamente aumentati e l’OMS ha iniziato a parlare di epidemia. Quando i contagi ci sono stati anche nel resto del mondo si è parlato di pandemia. A questo punto l’Oms ha dato un nome a questo nuovo coronavirus chiamandolo Covid-19.

Continua a leggere “Diario della quarantena”

Il mio diario della quarantena

La pandemia di COVID-19 in Italia ha avuto le sue prime manifestazioni epidemiche il 31 gennaio 2020, quando due turisti provenienti dalla Cina, in vacanza a Roma, sono risultati positivi al virus. Un focolaio di infezioni di COVID-19 è stato successivamente rilevato il 21 febbraio a partire da 16 casi confermati in Lombardia, a Codogno, in provincia di Lodi, aumentati a 60 il giorno successivo con i primi decessi segnalati negli stessi giorni.

Continua a leggere “Il mio diario della quarantena”

Alla ricerca di equilibrio

Il 1 Gennaio 2020, quando il nuovo anno era appena arrivato, ero così entusiasta, festeggiavo con la mia famiglia, con i miei amici e ognuno di noi aveva nello sguardo una luce. La classica luce che si ha quando si pensa ai progetti futuri e dentro se stessi non si fa altro che sperare di poter realizzare tutti i desideri che si custodiscono nel cuore.

Continua a leggere “Alla ricerca di equilibrio”

Diario di quarantena

“Un comune raffreddore” così lo consideravano la maggior parte delle persone, questo “raffreddore” sta intaccato la nostra quotidianità da diversi mesi, ci ha chiusi in casa, ha svuotato le strade, le piazze, ha reso silenziosa un’Italia sempre stata caotica, frenetica facendoci assistere a degli scenari quasi inverosimili: luoghi, città sempre piene di vita si sono momentaneamente spente, diventando silenziosi; le persone hanno dovuto reinventare la propria quotidianità in casa. Questo virus, comparso a Wuhan (Cina), si diffonde velocemente e comincia a diventare una realtà in Italia già alla fine di Gennaio quando risultò positiva una coppia di ritorno dalla Cina, ciò che sembrava essere così lontano da noi ci aveva raggiunto. Il primo focolaio di coronavirus comparve il 21 febbraio a Codogno, in Lombardia, i contagiati che inizialmente erano 16 il giorno successivo si trasformarono in 60, questo portò subito alla quarantena di diversi comuni della Lombardia, ma ciò non fermò il virus che si diffuse velocemente in tutta Italia. La sera del 9 marzo Conte comunica agli Italiani la quarantena per l’intero Paese, fermando così tutto e tutti tranne che i servizi essenziali.

Leggi tutto