Sversamento a Marina di Grosseto, quando la bufala diventa virale

dragaggio-porto-spiaggia-168472.660x368

Fare informazione e dare informazioni sono cose diverse. Questo è l’esempio lampante, l’esempio di Marina di Grosseto è emblematico e c’è un motivo se le notizie vanno verificate. Un motivo che non ha solo a che vedere con l’etica o con il fare bene il proprio lavoro. Ciò contribuiscono alla diffusione di notizie false che possono avere conseguenze immediate sulla realtà e sulla vita personale di alcune persone, messe in cattiva luce dopo “notizie” de genere. Continua a leggere “Sversamento a Marina di Grosseto, quando la bufala diventa virale”

La forza del Vesuvio nel 1906, un’eruzione da ricordare

icona-1944-3

L’eruzione del Vesuvio nel 1906 fu la più grande avvenuta nel XX secolo. Tutto ebbe inizio 110 anni fa nella mattina del 4 aprile alle 5.30 circa. Già dalla prima metà di marzo, però, l’attività fumarola del Vesuvio era aumentata e non di poco. Anche le scosse di terremoto erano sempre più frequenti ed intense e tutto lasciava presagire ad un’eruzione esplosiva ormai imminente. E così fu.

Continua a leggere “La forza del Vesuvio nel 1906, un’eruzione da ricordare”

“Vedevamo a portata di mano, l’avvenire di un giorno più umano”

hqdefault

O ragazza dalle guance di pesca o ragazza dalle guance d’aurora io spero che a narrarti riesca la mia vita all’età che tu hai ora“. Apre così il testo scritto da Italo Calvino nel 1958 e musicato da Sergio Liberovici un anno dopo. Lo scrittore nato a Santiago de Las Vegas de La Habana ricorda la sua militanza nella Resistenza e la necessità di tramandare alle future generazioni i valori che stavano alla base di quella scelta. Questa poesia, nasce dall’esperienza di Cantacronache, un movimento culturale in cui ricercatori, musicisti e scrittori decisero di porre l’attenzione su temi di carattere sociale e politico, ereditati dalla Lotta di Liberazione, in cui la trasmissione di pensieri e messaggi avvenisse tramite la riproposizione musicale di canti popolari e colti.

Continua a leggere ““Vedevamo a portata di mano, l’avvenire di un giorno più umano””