Efficienza della comunicazione in Italia: Smart working o Telelavoro?

Immagine che contiene persona, tavolo, portatile, interni

Descrizione generata automaticamente

Da settimane ormai l’Italia si trova a far fronte all’emergenza Covid-19, tutti i settori ne soffrono e sono costretti a riadattarsi alle nuove esigenze del popolo italiano. Uno dei campi più penalizzati è sicuramente quello del lavoro. Per permettere a più persone possibili di continuare il loro lavoro, è entrata a far parte della quotidianità il termine Smart-working.

Sul social LinkedIn la Lombardia è l’unica tra le regioni d’Italia ad aver   lanciato una campagna social atta a raccogliere testimonianze da parte di Smart workers.

Immagine che contiene screenshot, sedendo, interni, donna

Descrizione generata automaticamente

Il Ministero del Lavoro, a proposito di ciò, ha anch’esso lanciato una campagna social su LinkedIn il 27 marzo 2020 che si proponeva di raccogliere foto ed esperienze di Smart workers con l’hashtag #IoLavoroSmart.

Immagine che contiene screenshot

Descrizione generata automaticamente

La campagna si è conclusa il giorno seguente grazie alla mole di foto-testimonianze ricevute dal profilo istituzionale.

Il profilo LinkedIn della regione Veneto ha invitato gli utenti a recarsi sul sito regione.veneto.it, poiché è stata aperta una sezione a riguardo con le varie indicazioni da seguire.

Ma cos’è lo Smart Working, o in italiano Lavoro agile, e perché è un termine sbagliato da usare in questo contesto?

In Italia se ne sente sempre più spesso parlare, soprattutto negli ultimi mesi in relazione all’emergenza Covid-19.

C’è chi la definisce una filosofia manageriale che restituisce flessibilità e autonomia alle persone (Mariano Corso, responsabile scientifico dell’osservatorio Smart Working, politecnico di Milano), c’è chi invece lo vede come un modello organizzativo che interviene nel rapporto tra individuo e azienda (Emanuele Madini, esperto di Smart Working ed HR Transformation).

Il Telelavoro altro non è che la riproposizione del lavoro di ufficio in sede domiciliare, in questo caso l’azienda deve impegnarsi a fornire strumenti che permettano di svolgere il proprio lavoro direttamente da casa. Il dovere del lavoratore è, invece, quello di assicurare lo svolgimento di tutte le ore di ufficio previste. Inoltre, per telelavorare, si necessita la stipulazione di un contratto differente da quello standard.

Dunque, è evidente la confusione fra le parole, dato che sottintendono due concetti distinti. L’elemento che differenzia queste modalità è la mobilità stessa, dato che uno Smart worker ha la possibilità di svolgere i propri obbiettivi in qualsiasi luogo, anche all’interno dell’azienda e in ambienti adoperati per il co-working.

Quest’articolo si propone di far notare al lettore che la maggioranza dei profili istituzionali fa uso erroneamente del termine Smart Working, considerando che il termine più adeguato da usare sarebbe Telelavoro.

Analizzando i dati di Google Trends ed effettuando una ricerca incrociata tra i termini ‘’Telelavoro’’, ‘’Smart Working’’ e ‘’Lavoro agile’’ abbiamo constatato che in concomitanza alla pandemia c’è stato un picco di ricerche riguardanti lo Smart Working.

Immagine che contiene screenshot

Descrizione generata automaticamente

Secondo Google Trends, il picco delle ricerche è da datarsi tra l’8 e il 14 marzo 2020. La media delle ricerche di Google Trends prevede un minimo di 0 e un massimo 100. Nel periodo sopra citato, la parola Telelavoro riporta un 9, Lavoro Agile riporta un 24, mentre Smart Working riporta un 100. L’utilizzo della parola Smart Working è quindi esponenziale rispetto alle altre.

Non solo i profili istituzionali confondono i termini, bensì anche il presidente del consiglio Giuseppe Conte e varie testate giornalistiche. Il premier, infatti, ha annunciato in una diretta Facebook, la chiusura di tutte le attività non essenziali, ad eccezione di quelle che potessero adoperare lo Smart Working confondendolo con il Telelavoro.

Come detto in precedenza, anche le testate giornalistiche fanno questo uso improprio del termine. In seguito, alcuni esempi:

Immagine che contiene screenshot, monitor, tenendo, sedendo

Descrizione generata automaticamente

Mentre, ci sono altri giornali che fanno un utilizzo appropriato del termine ‘’Telelavoro’’ solo nel corpo dell’articolo, generando un clickbait nel titolo con l’uso del termine ‘’Smart Working’’: 

Immagine che contiene screenshot

Descrizione generata automaticamente

Ritornando a LinkedIn, ci sono vari utenti che hanno trattato questa tematica e i relativi usi erronei, di seguito le fonti:

https://www.linkedin.com/posts/dariotatangelo_lavoro-innovazione-smartworking-activity-6651053021646077952-LUP7

https://www.linkedin.com/posts/rudybandiera_smartworking-telelavoro-activity-6650343655150235648-lfcH

Grazie a questi due utenti abbiamo sviluppato la nostra ricerca basata sull’importanza di una corretta comunicazione, soprattutto in un periodo come questo in cui dilaga la disinformazione.

Continuando sull’onda della disinformazione bisogna porre attenzione ai canali di intrattenimento presenti sul web, fra i popolari citiamo un video de ‘’Il Milanese Imbruttito’’: https://www.youtube.com/watch?v=Zmnrrf3Xdqo

Come si può vedere, in questo video, vi è di nuovo l’uso errato del termine Smart Working, il problema di video come questi è che vengono visualizzati da molte persone, perché contenuti di intrattenimento. Dunque, nel momento in cui una persona di spicco, o una persona molto seguita, fa un errore del genere, l’effetto che scaturisce è simile a quello di un virus mediatico.

Pertanto, per evitare incomprensioni di qualunque genere, invitiamo le persone ad informarsi con senso critico e a filtrare per bene le informazioni che apprendono dalle varie fonti, sia che esse siano fonti ufficiali che puro intrattenimento.

A cura di Loris Esposito, Antonio Nicolò e Alessia Cirino.

https://www.linkedin.com/company/regione-lombardia/

https://www.linkedin.com/company/ministero-del-lavoro-e-delle-politiche-sociali/

https://www.linkedin.com/company/regioneveneto/

https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/03/19/coronavirus-si-allo-smart-working-ma-a-tempo-determinato/5741207/

https://tecnologia.libero.it/smart-working-i-programmi-gratuiti-per-lavorare-da-casa-34803

https://www.lastampa.it/cronaca/2020/03/20/news/smart-working-non-replica-l-ufficio-con-lavoratori-remoti-puo-essere-molto-piu-produttivo-1.38617271

https://www.corriere.it/dataroom-milena-gabanelli/coronavirus-smartworking-connessione-oltre-11-milioni-italiani-senza/deb45d24-66e8-11ea-a26c-9a66211caeee-va.shtml

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...