Hercules, tra storia antica e moderna

La Walt Disney, società leader nel campo dell’animazione, si è da sempre ispirata a fiabe, favole, racconti popolari e altri testi letterari famosi per la realizzazione dei suoi film, ma durante il Rinascimento Disney (periodo di grande successo per gli studi di animazione), decise di orientarsi per la prima volta verso un altro genere: la mitologia greca. Fu proprio nel 1997 che venne distribuito nelle sale cinematografiche il film Hercules, diretto da Ron Clements e John Musker.

La pellicola narra le avventure del famoso Eracle (Hercules in versione latina), concentrandosi maggiormente sulla psicologia del protagonista e degli altri personaggi. Nel film si vedono gli dei dell’Olimpo festeggiare la nascita di Ercole, che già da neonato ha una forza sovrumana. Ma non tutti sono felici per l’arrivo del nuovo dio.

Infatti, Ade, re del regno degli Inferi, vuole conquistare il trono di Zeus, per diventare egli stesso re dell’Olimpo, ed Ercole è per lui un ostacolo. Ade allora decide di tramutare Ercole in un mortale ed ucciderlo, per far sì che il suo piano si realizzi. Tuttavia il suo progetto non si completa del tutto e il piccolo Ercole si salva dalla morte, pur rimanendo un semplice mortale accudito da Alcmena e Anfitrione. Negli anni della sua giovinezza, Ercole si sente diverso dagli altri e decide di scoprire chi è veramente, partendo per un lungo viaggio, che lo porterà alla scoperta delle sue vere origini, e alla sconfitta del perfido Ade. Durante quest’avventura Ercole incontrerà molti amici, come Meg (Megara) e Fil (Filottete), che gli faranno comprendere che “un vero eroe non si misura dalla forza che possiede, ma dalla forza del suo cuore”.

“Hercules” è un elogio alla cultura greca, trattata in maniera, per certi versi, non veritiera, ma non per questo meno amorevole nei confronti del gusto classico. Il film è paragonabile a una “commedia in costume”, un encomio al teatro tragico e comico dell’antica Grecia. La voce narrante che si ode inizialmente non è altro che il Prologo, le Muse sono il coro e la storia rinarrata unisce sapientemente commedia e peripezie estratte e amalgamate dai due stili preminenti del teatro antico.

Ma “Hercules” possiede una particolarità pressoché innovativa: i riferimenti, critici o parodistici, alla cultura americana. Che la storia sia un mezzo per indagare il nostro passato e comprendere maggiormente il nostro presente, e che il mito venisse usato per spiegare in maniera mistica l’origine e la natura di molte realtà che circondavano i greci, è una caratteristica assolutamente inattaccabile, ma la Disney usufruisce del racconto mitologico per trasporre aspetti contemporanei in contesti storici antichissimi. Ercole diventa così l’eroe più amato della Grecia, ed essere così famoso nell’antichità, non è poi tanto diverso dall’essere una sorta di “vip moderno”. Nel film Ercole viene trattato a tutti gli effetti come una star, che rilascia autografi a donne che urlano a squarciagola il suo nome, vive con un seguito di artisti che desiderano ritrarlo in tele da vendere ai fan e con uno stuolo di artigiani intenti a produrre addirittura del merchandising dedicato all’eroe. Ecco che Ercole firma la sua “Herculade”, la bevanda ufficiale dell’eroe, ispirata chiaramente alla “Gatorade”, e dà via alla produzione di elegantissimi sandali chiamati “Air Hercules” (chiaro riferimento alle famose Air Jordan). Ercole lascia persino le impronte delle sue mani impresse nell’argilla, mimando i gesti degli attori più celebri. Egli diventa un vip da ammirare e su cui discutere. La Disney quindi ci fa riflettere sui miti di oggi e sulla fama che circonda l’eroe. Nell’antica Grecia i miti erano gli eroi valorosi e incorruttibili…oggi, invece, chi sono? Naturalmente i miti di oggi, che la società dei consumi moltiplica e distrugge con estrema facilità, non sono più gli eroi greci raccontati da Omero o fatti rivivere sulla scena dai grandi tragici, si tratta invece di gente che spesso rimane pochissimo sulla cresta dell’onda e scompare con la stessa rapidità con cui è stata creata.

Il film Hercules riesce a divertire e ad entusiasmare gli spettatori, ma soprattutto svolge un compito molto importante: spiegare una storia nella Storia. 

Marco Sessa

Fonti:

https://cinehunters.com/2017/04/08/recensione-e-analisi-hercules-la-tredicesima-fatica-sara-trovare-il-proprio-posto-nella-vita/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...