“Mein Kampf”: l’ideologia del dittatore si fa vignetta

12

Ad 83 anni di distanza dall’edizione originale, il “Mein Kampfdi Hitler nel 2008 è diventato un fumetto manga tramite l’editore giapponese “East Press” . Il volume, che è di 190 pagine e ha venduto 45.000 copie nella prima tiratura, racconta molto semplicemente la storia di Adolf Hitler, dall’infanzia all’ascesa a capo del Partito Nazionalsocialista.

Nel fumetto viene mostrato, seppur in maniera ridotta, l’accrescere di quelli che saranno i principali cardini del suo pensiero: la lotta al marxismo e soprattutto l’antisemitismo .

Il manga ritrae Hitler come un uomo ossessionato che accusa il popolo ebraico di incarnare e controllare la finanza e lo sfruttamento economico della Germania. In varie vignette emerge la sua gestualità visionaria, soprattutto dinnanzi ad una folla che cresce sempre di più grazie a quell’arma chiamata propaganda.

propaganda

I volti abbagliati degli ascoltatori sembrano sostenere la metafora di Hitler “come una stella che illumina la notte della crisi e mostra al popolo tedesco il suo cammino di luce”, che fu espressa dal giornale ufficiale del partito nazista, il “Völkischer Beobachter”.

Dal momento che la pubblicazione di Mein Kampf è vietata in diversi Paesi, tra cui la Germania e l’Austria, Waga Toso (我が闘争) (questo il titolo giapponese del manga), ha suscitato reazioni molto diverse in Giappone e all’estero.

Il ministero delle finanze della Baviera, che detiene i diritti d’autore sul libro in questione, ha negato il permesso di ripubblicarlo per rispetto nei confronti delle vittime delle atrocità naziste

Tra gli elementi che hanno creato un dibattito sulla diffusione vi è stato il timore che il suo contenuto potesse incoraggiare sentimenti neonazisti.
D’altro canto, in favore della scelta di pubblicare il libro, l’editore invoca il fatto che: “si tratta di un libro famoso che pochissimi hanno letto. Riteniamo che questo manga possa contribuire a una maggior comprensione di Hitler come essere umano e dei processi mentali che hanno condotto ad una simile tragedia, pur se ormai si tende a liquidare Hitler come un ‘mostro’.”

Come hanno fatto notare alcuni blogger, la versione manga del Mein Kampf  fornisce un riassunto dell’ideologia del dittatore e può essere considerata un modo alternativo verso un’indagine storica più approfondita, consigliando ovviamente un’integrazione con il libro originale per percepire le parti omesse nel fumetto.

In una pagina vediamo Hitler di appena dieci anni intento ad ascoltare un professore che, prima di proseguire il discorso sul valore di essere tedeschi, dice:

vignetta

“Non dobbiamo dimenticare la nostra storia, ragazzi. E’ imparando il passato che siamo in grado di fare un passo verso il futuro.”

Che sia un monito al lettore?

Roberta Michilli

Fonti:

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...