Lui è tornato… ma secondo qualcuno non se n’è mai andato!

Il 26 aprile è arrivato nelle sale italiane il film diretto da David Wnendt che mostra in modo comico-satirico come sarebbe stato se Hitler fosse vissuto ai giorni nostri.

Il film si intitola “Lui è tornato”….ma secondo qualcuno non se n’è mai andato!

Il 26 gennaio 2014 Rai News pubblica un articolo intitolato Hitler è morto in Brasile a 95 anni: è la teoria di una studentessa universitaria in cui viene esposta la curiosa teoria di Simoni Renee Guerriero Dias, una studentessa universitaria del Brasile.

La studentessa brasiliana non solo afferma che il dittatore non si è mai suicidato nel famoso bunker a Berlino, ma da anche prova di avere grande fantasia e di aver letto forse troppi libri di avventura, sostenendo che egli dopo la fuga abbia girato per l’Argentina e il Paraguay in cerca di un tesoro nascosto, con tanto di mappa del tesoro in mano fornita da alcuni alleati in Vaticano.

Finita la caccia al tesoro, secondo le ricerche della studentessa, Hitler si sarebbe ritirato nel villaggio del Mato Grosso dove avrebbe trascorso la seconda metà della sua vita e avrebbe sposato una donna di colore, chiamata Cutinga, al fine di far ricredere chi lo considerava un razzista nei confronti di tutti coloro che non erano di razza ariana.

Infine, questo Hitler “convertito” si sarebbe spento nel 1984 all’età di ben 93 anni, in una piccola città tra il Brasile e la Bolivia.

Alla base di questa teoria vi è una foto in cui sono ritratti un uomo e una donna di colore.

hitler.jpg

Dopo averla analizzata al cumputer, la ragazza ha dichiarato di aver riconosciuto sul viso dell’uomo i baffi del Fuhrer e che la donna che lui cinge col braccio non sia altro che Cutinga.

Simoni Renee Guerriero Dias è stata probabilmente la prima ad aver inventato una versione alternativa così articolata della morte di Hitler, ma di certo non è stata la prima a  metterla in dubbio.

Al processo di Norimberga, ad esempio, Thomas J. Dodd dichiarò che secondo lui “Nessuno può dire che sia morto”.

Anche Stalin nutriva gli stessi dubbi: quando Harry S. Truman gli chiese durante la Conferenza di Potsdam del 1945 se secondo lui Hitler fosse morto egli rispose “No”.

Ma nonostante i tanti dubbi e nonostante la foto e la teoria un po’ troppo fantasiosa della studentessa brasiliana, la versione ufficiale, quella che da sempre viene raccontata dai libri di storia, continua ad essere accettata.

Nel film di David Wnendt può anche essere tornato, ma per la storia Hitler se n’è andato il 30 aprile del 1940, dopo aver ingerito del cianuro, in quel famoso bunker a Berlino.

 

Fonti:

 

http://www.abcinteractive.it/Il-blog-di-ABC-Interactive/Le-grandi-bufale-online-i-fake-piu-condivisi-sui-social

https://it.wikipedia.org/wiki/Morte_di_Adolf_Hitler

 

Miriam Santimone

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...