“Che ce fa a guerra nun tene pietà”

brigantesemore

5212 condanne a morte, 6564 arresti, 54 paesi rasi al suolo, 1 milione di morti.
Queste le cifre della repressione consumata all’indomani dell’Unità d’Italia dai Savoia: la prima pulizia etnica della modernità occidentale operata sulle popolazioni meridionali.
La Legge Pica, promulgata dal governo Minghetti del 15 agosto 1863, venne sancita per permettere la repressione del brigantaggio e istituiva, sotto l’egida savoiarda, tribunali di guerra per il Sud.
O forse è meglio dire che, più semplicemente, lasciava carta bianca ai soldati che si sentivano così liberi rendere le fucilazioni (anche di vecchi, donne e bambini) una cosa ordinaria e non straordinaria… Un genocidio la cui portata è mitigata solo dalla fuga e dall’emigrazione forzata.

I prigionieri venivano rinchiusi in dei veri e propri lager che stringevano insieme assassini, sacerdoti, giovani, anziani, miseri popolari e uomini di cultura. “Carceri delle finestrelle” li chiamavano, perché venivano smontati ventri e infissi per rieducare i segregati con il freddo.
Senza pagliericci, senza coperte, senza luce, laceri e poco nutriti era usuale vederli appoggiati a ridosso dei muraglioni, nel tentativo disperato di catturare i timidi raggi solari invernali, ricordando forse con nostalgia il caldo di altri climi mediterranei.

In questo clima nascono canti e canzoni , una fra tutte “brigante se more“.

Ammu pusato chitarr’e tammure || pecchè ’sta musica s’adda cangià || simmo briganti e facimmo paura || e c’a scuppetta vulimmo cantà. || E mo’ cantammo ‘na nova canzone || tutta la gente se l’adda ‘mbarà ||nu cumbattemmo pu’ re borbone || ‘a terra è a nosta e nun s’adda tuccà || Tutt’e paisi d’a Basilicata || si so scitati e ‘mo vonno luttà || pur’a Calabbria mò s’è ‘rivuttata || e stu nimico ‘o facimmo tremà. || Chi ha visto ‘u lupu s’è miso paura || nun sape bbuono qual’è ‘a verità || ‘u vero lupu ca magna ‘e criature || è ‘o piemuntese e l’avimma caccià. || Femmene belle ca’ rate lu core || si lu brigante vuliti salvà || nunn’o cercate, scurdatev ‘o nomme || che ce fa a guerra nun tene pietà. || Omme s’ nasce, brigant’ se more || ma fin’ all’ultima avimm’a sparà || e si murimo menate nu sciore || e ‘na preghiera pe’ ’sta libertà.

Spesso creduto un brano autentico, Brigante se more è stata in realtà scritta negli anni settanta da Carlo D’Angiò ed Eugenio Bennato per portare alla luce un argomento tabù della nostra storia, un episodio di cui si è persa la memoria perché non ci è arrivato nulla di quel periodo… Non ci è arrivata neanche una strofa delle canzoni che venivano cantate in quel periodo; ma”uomo si nasce, brigante si muore” e  forse proprio perché siamo nati tutti allo stesso modo è così facile immaginare dietro a questo testo le voci di quelli che venivano etichettati come briganti, quegli uomini che hanno dovuto posato chitarre e tamburelli per difendere la loro terra dai Savoia – il lupo piemontese che mangia i bambini – chiedendo, in cambio della loro vita, solo un fiore e la libertà dei compaesani.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...